HERON

HERON

"C'e' un posto in Paradiso, chiamato Ponte dell'Arcobaleno.
Quando muore un animaletto che è stato particolarmente caro a qualcuno, questo animaletto va al Ponte dell'Arcobaleno.
Ci sono prati e colline per tutti i nostri amici speciali così che possano correre e giocare insieme.
C'è tanto cibo, acqua e sole.
Tutti loro sono al caldo e stanno bene.
Quelli che erano vecchi e malati sono ora forti e vigorosi.
Quelli che erano feriti sono di nuovo integri e forti, come noi li ricordiamo nel sogno dei giorni e dei tempi passati.
Sono felici e contenti, tranne che per una piccola cosa: ognuno di loro sente la mancanza di qualcuno molto amato, qualcuno che hanno dovuto lasciare indietro.
Corrono e giocano insieme, ma un bel giorno uno di essi improvvisamente si ferma e guarda lontano, verso l'orizzonte.
I suoi occhi lucidi sono attenti, trema per l'impazienza: tutto ad un tratto si stacca dal gruppo e comincia a correre, volando sul verde prato, sempre più veloce.
Ti ha riconosciuto, e quando finalmente sarete insieme, vi stringerete in un abbraccio pieno di gioia, per non lasciarvi più.
Una pioggia di baci felici bagnerà il tuo viso; le tue mani accarezzeranno di nuovo l'amata testolina e fisserai ancora una volta i suoi fiduciosi occhietti, per tanto tempo lontani dalla tua vita ma mai assenti dal tuo cuore.
Allora attraverserete, insieme, il Ponte dell'Arcobaleno.
Nessuna parola può descrivere il dolore nel nostro cuore.
Nessuna.
Ci manchi piccolo, ovunque ora tu sia.
Ti giungano il nostro caldo abbraccio e la nostra promessa: ci rivedremo Heronino.
(firmato)
La tua famiglia".