SOFIA

SOFIA

SOFIA
Mio dolcissimo amore,
è quasi un mese che non sei più con me e il dolore per la tua assenza è sempre ugualmente profondo e intenso. Ho atteso a scrivere della nostra storia d’amore bellissima su questo libro dei ricordi, perché aspettavo che la sofferenza e la tristezza lasciassero il posto a un dolce sentimento di nostalgia. Ma non è così facile abituarsi a vivere senza di te: ogni cosa che faccio, ogni pensiero, ogni progetto mi appare insignificante adesso che tu non sei più qui con me a condividerlo. Il nostro è stato un rapporto unico, esclusivo, pieno d’amore, di grande intesa e di felicità immensa. Mi manca tutto di te: il tuo sguardo dolcissimo, i tuoi baci umidi, il tuo corpicino caldo che dorme incollato a me, i tuoi lievi sospiri di soddisfazione e di appagamento quando ti sistemavi comoda tra le mie braccia… oh Sofy, quanto mi manchi!
Ora sei con me sotto un’altra forma, dentro una scatolina che ti ho decorato con tanti pupazzetti colorati; alla sera ti metto accanto al mio letto, nella cestina dove hai chiuso per sempre gli occhi, assieme ai tuoi peluches Willy, Trudy e Winny; accendo una lucina per tutta la notte, in modo che da lassù dove sei ora, tu possa vedere facilmente la nostra casa.
Cerco di non piangere troppo, perché ho il timore che possa dispiacerti il vedermi così triste; io so, lo sento, che tu, come hai sempre fatto, vuoi continuare ad aiutarmi e consolarmi, mandandomi dei piccoli segnali di serenità. Da giorni, infatti, una farfallina bianca viene a salutarmi ogni mattina, compiendo attorno a me nell’aria delicati voli, simili ad una danza.
Voglio credere che il nostro dialogo stia continuando e che quando arriverà il mio momento, ti troverò là ad attendermi, scodinzolante e fremente, per riprendere d’incanto il filo della nostra vita insieme, esattamente da dove si era interrotto.
Arrivederci amore mio….
la tua mamma